Japan 3 / Tokyo ha un cuore verde, uno rosa e uno nero

E di come l’ho scoperto in una sola giornata.

Il cuore di Tokyo è il Palazzo Imperiale, protetto da una cinta di mura e da un fossato abitato da alghe dall’aria minacciosa. Tokyo ha un cuore verde, e non solo perché il Palazzo Imperiale è immerso in un parco sconfinato, ma perché sono tanti i giardini nel centro della città. E sono tanto vasti da farti dimenticare di essere in una delle metropoli più popolose al mondo: tredici milioni di abitanti e non sentirli.
È la sensazione che ho provato entrando nel parco che circonda il Meiji Jingu, il grande santuario shintoista con i tetti di rame ossidato. Uscendo dalla stazione di Harajuku, si prende a destra, lasciandosi alle spalle l’orda di ragazzine dirette a Takeshita Dori, e si viene ingoiati da questa foresta tramite un torii gigante, un portale realizzato con un solo cipresso vecchio di millecinquecento anni. Da quel punto, la strada porta fino al tempio e poi si dirama in sentieri sempre più piccoli sotto le chiome che nascondono i grattacieli.
Poco distante, anche i giardini di Shinjuku Gyoen mi hanno accolta con la loro vegetazione ordinata e rassicurante, le case da tè, i ponticelli e i laghetti. Le grosse carpe, che sfiorano il pelo dell’acqua come piccoli squali, smorzano tutta questa soavità.

Se, invece, alla stazione di Harajuku si prende a sinistra e si segue l’orda di ragazzine si entra dritti nel cuore rosa di Tokyo: Takeshita Dori, un intrico di strette vie brulicanti di adolescenti esaltati, musica assordante, paccottiglia, vestiti e tanti tanti dolci. È il centro della cultura teenager. Un inferno di zucchero filato.
Spingendosi oltre, con mio grande sollievo, si arriva a Omotesando, una lunga via dove le maggiori case di moda hanno costruito i loro showroom, dando vita a una sorprendente sfilata di architettura contemporanea.

Il cuore nero di Tokyo, poi, l’ho trovato a Kabukichō, appena fuori dalla stazione di Shinjuku: un formicaio illuminato a giorno dalle insegne colorate e stroboscopiche, dove si concentrano locali notturni, ristoranti, bar, love hotel, club, e locali a luci rosse, tutti per la maggior parte in mano alla Yakuza. Lì, sotto ai grattacieli arroganti, si nasconde il Golden Gai, un oscuro grumo di microscopici bar, più di duecento, che possono ospitare cinque o sei clienti per volta, dove solo gli habitué sono i benvenuti e dove l’atmosfera è surreale e inquietante.

Il torii gigante dà accesso al parco del Meiji Jingu.
262 Japan

Il Meiji Jingu con i suoi tetti in rame ossidato.
279 Japan281 Japan294 JapanUn sacerdote del Meiji Jingu.
283 Japan

Il giardini di Shinjuku Gyoen.
339 Japan

Il Kyu Goryotei, anche detto padiglione taiwanese.
343 Japan353 Japan354 Japan375 Japan367 Japan

La moda delle teenager.
312 Japan

L’ingresso a Takeshita Dori.
318 Japan

Nuvole enormi di zucchero filato (e la geniale plastica per non inzaccherarsi le mani).
324 Japan

Omotesando Hills, di Tadao Ando.
426 Japan429 Japan

Dior, di Sanaa.424 Japan430 Japan

Keyaki Building, di Norihiko Dan, vicino a Tod’s di Toyo Ito.
441 Japan451 Japan473 Japan469 Japan

Prada Aoyama, di Herzog & De Meuron (il mio preferito).
458 Japan.JPG462 Japan

Le insegne illuminano l’ingresso di Kabukichō dal lato della stazione di Shinjuku.
494 Japan498 Japan

L’atmosfera surreale del Golden Gai.513 Japan.JPG516 Japan

520 Japan

Everyday life, week 16

Processed with VSCO with hb2 preset
Gran pastiche con ippocastani fioriti e cielo blu.

cinemabianchini_week16_17 (1)
Luce, ore 13:09.

cinemabianchini_week16_17 (3)
Gli occhi appannati.

cinemabianchini_week16_17 (6)
Spazi contaminati da espressioni di artismo spontaneo.

cinemabianchini_week16_17 (11)cinemabianchini_week16_17 (12)cinemabianchini_week16_17 (10)cinemabianchini_week16_17 (4)
Il tonfo attutito di pensieri irrilevanti.

cinemabianchini_week16_17 (8)
Quella luce, di nuovo.

Processed with VSCO with a5 preset
Buonanotte Vanchiglia.

Processed with VSCO with hb1 preset
Pavlov, arrivo / Accept that you deserve more than painful love / life is moving / the healthiest thing for your heart is to move with it / R.Kaur

Processed with VSCO with hb2 preset
Se ogni cosa sulla Terra fosse razionale, non accadrebbe nulla / F. Dostoevskij

Everyday life, week 14

Processed with VSCO with a5 preset
Quel periodo dell’anno.

Processed with VSCO with nc preset
Il mondo è sempre pronto per l’amore.

Processed with VSCO with nc presetcinemabianchini_week14_17 (11)
Sembrava il tramonto, ma era l’alba.

Processed with VSCO with nc preset
Raccontava storie perché si struggeva dal desiderio di abitare in un mondo di pura bellezza, circondata da persone colte e di sentimento. E il sentimento, ragazze, era tutto / V.Gornick

Processed with VSCO with a5 preset
Risveglio con ruggito.

cinemabianchini_week14_17 (3)
Il lusso secondo me.

cinemabianchini_week14_17 (4)cinemabianchini_week14_17 (5)
Un tartarugo che fa primavera.

cinemabianchini_week14_17 (6)
Caffetteria, ingresso via Po.

Processed with VSCO with nc preset
Mi fermo perché è più forte di me.

Processed with VSCO with nc preset
Sono atterrito dalle coincidenze, spaventato dal modo in cui le cose si legano e si concatenano tra loro, dal modo in cui eventi remoti e senza rapporto apparente s’intrecciano, generando fatti altrimenti inspiegabili / T.Avoledo

Everyday life, week 13

Processed with VSCO with nc preset
Portici, quasi come a casa.

Processed with VSCO with nc presetProcessed with VSCO with kk1 preset
Hanno provato a offrirmi un caffè, ma io volevo mortadella e crescentine fritte.

Processed with VSCO with hb1 preset
Good wine, good friends, good life.

Processed with VSCO with kk1 preset
All’Archiginnasio.

Processed with VSCO with kk1 presetProcessed with VSCO with kk1 preset
Cultura e sciocchezza andavano a braccetto.

Processed with VSCO with kk1 preset
Le sette chiese.

Processed with VSCO with nc presetcinemabianchini_week13_17 (14)
Sembrava grigio, ma rimaneva sempre arancione.

cinemabianchini_week13_17 (16)cinemabianchini_week13_17 (17)
L’ombra di Lucio.

Processed with VSCO with hb2 preset
Una cosa davvero sorprendente che ho visto / il compianto sul Cristo morto di Niccolò Dell’Arca.

Processed with VSCO with kk1 presetProcessed with VSCO with nc preset
La gente sempre un po’ brilla danza sotto trionfi di mortadella / M.Valori

Everyday life, week 12

Processed with VSCO with nc preset
Difficile chiudere le porte ai sogni.

Processed with VSCO with hb1 presetProcessed with VSCO with hb1 preset
E presto esploderà.

Processed with VSCO with nc preset
Torino, ore 9:33 e sta per piovere.

cinemabianchini_week12_17 (5)
E presto esploderà / 2

cinemabianchini_week12_17 (10)
Chiasmo.

Processed with VSCO with nc preset
Figurine ai Murazzi nel grigio Torino di una domenica mattina.

Processed with VSCO with nc presetProcessed with VSCO with t1 preset
Nel meriggio d’or mi sentivo un po’ osservata.

Processed with VSCO with hb1 preset
Voglia di stare in un intruglio fangoso tutt’altro che scontato #markovmonamour

Processed with VSCO with hb2 preset
Ma poi si rasserena.

cinemabianchini_week12_17 (7)
Le nuvole che corrono e il cielo che attraversa le finestre #markovmonamour

Japan 2 / Tokyo, lo shintoismo e il caldo

Premessa: Tokyo si colloca sul 35° parallelo dell’emisfero settentrionale, il che significa che rimane un poco più a sud di Tunisi. Mediamente in agosto registra un’umidità del 90%, il che significa caldo infernale. Stando ai dati scientifici, la temperatura percepita di giorno si aggira in media sui 45 gradi. La terza verità sul Giappone a cui non siete preparati è che in estate il caldo è devastante. Per me è stato il caldo più orribile che abbia mai sperimentato. Tenetene conto se partirete nello stesso periodo: sarete costantemente sudati fradici, cotti dal sole e stanchi. Non vi chiederete più perché i giapponesi girano con l’ombrellino asciugandosi di continuo con pezze di spugna di mille colori, alle quali troverete negozi interamente dedicati.

Inutile dire che Tokyo è immensamente vasta, strutturata come una serie di zone satelliti del Palazzo Imperiale, come pianeti intorno al sole.
Il nostro giro è partito dal Parco di Ueno, tra i cercatori di Pokemon e le cicale che friniscono e fanno la muta, sulle rive dello Shinobazuno, che sembra un prato ma in realtà è un lago o meglio una distesa di fiori di loto.

Non molto lontano, ad Asakusa, il Sensō-ji è il luogo di venerazione più antico della città. È qui che ho cominciato a cercare di capire qualcosa dello shintoismo che, semplificando estremamente, è una religione politeistica che mescola animismo e buddhismo e che, all’atto pratico si esprime con una serie di rituali per mettersi in relazione con la divinità, che siano i Kami oppure Buddha. E quindi via con le abluzioni purificatrici, i bastoncini di incenso per l’intelligenza, le preghiere scritte sulle tavolette dei desideri, gli ema, e la pesca dell’omikuji: se la predizione divina è cattiva, viene legata a un filo, nella speranza che la sorte avversa non si attacchi a chi ha aperto il foglietto.

Passiamo la fine del pomeriggio a riposare in cima ai cinquantaquattro piani della Mori Tower, a Roppongi, e io cerco di raccapezzarmi sulla geografia di questa metropoli. Il vento che soffia sopra alla città è appiccicoso di salsedine, ma almeno rinfresca. Osservo il panorama fin dove la foschia lo consente, seguendo le strade con le dita sulla mappa e dando un nome ai parchi e agli edifici che mi saltano all’occhio. C’è una struttura arancione che somiglia tanto alla Tour Eiffel: è la Tokyo Tower ed è l’osservatorio della città.

Il parco di Ueno e i fiori di loto dello Shinobazuno.
036 Japan.JPG050 Japan037 Japan049 Japan065 Japan.JPG

I templi del parco di Ueno.
040 Japan

Le abluzioni purificatrici.
061 Japan

Gli ema, tavolette dei desideri.
053 Japan047 Japan

Gli omikuji cattivi.
042 Japan

La via delle bancarelle di Asakusa tra i due portali d’accesso: il Kaminarimon e l’Hōzōmon.
189 Japan

Tra la folla c’è un profumo intenso dei dolci di riso.
185 Japan
183 Japan.JPG

L’Hōzōmon Gate dà accesso al Sensō-ji.
177 Japan127 Japan145 Japan.JPG

Il fumo denso dell’incenso protegge la testa e sviluppa l’intelligenza.
131 Japan

Il rito della pesca dell’omikuji.
148 Japan149 Japan173 Japan

Anche gli uomini usano il kimono e anche gli uomini portano la borsetta.
163 Japan

Le raffigurazioni di Jizo sono spesso addobbate con cappellini e bavaglini rossi.
168 Japan

Le studentesse in divisa non sono un’invenzione dei cartoni animati.
176 Japan

Questi personaggi fuori da un sala da tè ci hanno mostrato i loro tatuaggi. Nella società il tatuaggio è l’elemento che distingue i membri della Yakuza, la mafia giapponese.
200 Japan197 Japan

La Roppongi Hills Mori Tower dalla pancia di una Maman di Louise Bourgeois.
206 Japan

La Tokyo Tower vista dalla Mori Tower.
214 Japan224 Japan
233 Japan