Il vento fa il suo giro


Ieri sera, dopo qualche tempo che non andavo, ho accompagnato il mio papà al Circolo Aurora di Collegno – altrimenti detto Suburbana – il centro cinematografico che mio padre frequenta da sempre.
Mi piace andare al cinema e non sapere niente del film che danno, neanche che film è, talvolta…

Il vento fa il suo giro è un film passato sotto tono, ma pare, che dal 2005 quando è uscito, sia costantemente nella programmazione di un piccolo cinema milanese: questo perché ogni sera c’è pubblico.

Girato interamente nelle valli occitane del Piemonte, un ex professore francese decide di trasferirsi con tutta la sua famiglia – una moglie e tre figli – in un paesino di poche anime, sulle montagne, per poter vivere secondo natura. Nella diffidenza generale, Philippe e sua moglie vivono di pastorizia, cercando di raggiungere quel difficile equilibrio con le cose del mondo e con gli anziani abitanti del posto.

Un lavoro intenso e coraggioso sotto ogni punto di vista: dalla scelta dell’ambientazione – l’Alta Val Maira – alla scelta linguistica, in cui si preserva la lingua occitana mescolata a tratti con dialoghi in francese ed italiano, ed infine alla messa in campo di interpreti autoctoni (ad eccezione di due attori professionisti).
Il film ti fa entrare e partecipare alle fasi del rapporto tra il paese e gli stranieri: diffidenza iniziale, accoglienza festosa, e da qui cattiveria pretestuosa, prepotenza, violenza. Da un lato, il protagonista, incarna anche troppo rigidamente l’amore quasi simbiotico con ciò che è naturale e il disprezzo verso tutto ciò che nasconde invidia ed esprime cattiveria e ipocrisia. Dall’altro, il paese, dove vince la paura del diverso e l’intolleranza.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...