Spritz!!


Allora, qui ci vogliono delle precisazioni, nella speranza che un qualche barman di queste lande torinesi legga questo post e si decida a fare lo spritz come si deve. Perché è vero che bere l’afrodisiaca bevanda in campo Santa Margherita a Venezia o nel centro di Udine è il massimo, però io gradirei gustarlo anche da queste parti…

692-spritz-a-udine

Prima di tutto, si prende un bicchiere capiente e non ci si mette un chilo di ghiaccio: un paio di cubetti sono più che sufficienti. Poi, si versa – nell’ordine –  un terzo di prosecco o friulano, un terzo di acqua frizzante (e la ricetta originale finisce qui, perché l’idea è quella di allungare il vino bianco per consumarne meno), e un terzo di Aperol, o Campari, o Cynar, o di quel Select che si trova praticamente solo a Venezia. Per concludere, bisogna guarnirlo con una fetta d’arancia e un’oliva verde non snocciolata, e non è un optional. Da accompagnare con patatine.

Okay? Spero di essere stata chiara…

4 pensieri su “Spritz!!

  1. spritzevole.
    Io dopo l’estate altoveneta sono diventata una spritz-addicted (rigorosamente in versione 2.0 con Campari, più secca e più amara), e concordo che qui da noi diventa ardua. Tuttavia promuovo “per buone intenzioni” lo spritz dell’Elena, che non è eccelso ma si lascia bere senza infamia.🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...