i Neoimpressionisti e Magritte


Mostre molto interessanti, quelle in corso a Palazzo Reale a Milano quest’inverno; cogliamo l’occasione di un weekend più lungo per andare a vederne due: i Neoimpressionisti e Magritte.

i Neoimpressionisti – fino al 25 gennaio 2009
L’esposizione è incentrata sulle figure di Seurat e Signac, fondatori e maggiori esponenti del movimento, e raccoglie opere anche di altri artisti che accolsero i principi del nuovo impressionismo.
Al di là delle opere scelte – davvero notevoli – si tratta di un’esposizione proprio ben fatta: il percorso segue in prima battuta la logica tematica per legarsi, successivamente, ad un ordine cronologico che permetta di cogliere l’evoluzione del movimento. Inoltre, la maggior parte dei dipinti viene spiegata da didascalie approfondite, perché tutti possano godere delle opere. Una mostra che rivolge l’attenzione anche ai bambini: didascalie semplici anche per loro e installazioni che giocano sulle illusioni ottiche basate sui colori; e nell’ultima sala si può dar vita ad una riproduzione in scala di grigi al dipinto più famoso di Seurat, Un dimanche après-midi sur l’île de la Grande Jatte, appiccicando su di esso dei bollini colorati, giustapponendoli come dei veri neoimpressionisti.

georges-seurat-un-dimanche-apres-midi-a-lile-de-la-grande-jatte

Magritte – fino al 29 marzo 2009
Un po’ deludente, per quanto mi riguarda, questa esposizione dedicata al surrealista belga; forse un po’ sopravvalutata, visto la coda lunghissima all’ingresso. Le opere, cento tra oli, tempere e sculture, comprendono tutto il periodo di produzione dell’artista – dai primi dipinti futuristi ai celeberrimi lavori degli anni Cinquanta – permettendo di mostrare al pubblico pezzi più e meno noti. Due soli i capolavori: la mela mascherata di Souvenir de voyage e la casa immersa nel buio sullo sfondo di un cielo azzurro di L’empire des lumières. Purtroppo nessuna spiegazione, nessuna didascalia ad approfondire il significato delle opere, così dense di simboli e di elementi che si ripetono.
Si tratta, però, dell’ultima grande esposizione oltre confine, dopodiché i lavori di Magritte saranno visibili solo in Belgio.

rene_magritte_l_empire_des_lumieres_1961

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...