Il concerto


IL CONCERTO
Radu Mihaileanu, 2009.

Anzi, il concierto, come dice Andrej Filipov direttore dell’orchestra del Bolchoi di Mosca, deposto trent’anni or sono dalla politica di Brežnev per non aver licenziato alcuni musicisti ebrei. Il destino vuole che ora faccia l’uomo delle pulizie nello stesso teatro, ed è così che un giorno si appropria indebitamente di un fax che invita il Bolchoi a suonare allo Châtelet di Parigi. Quale occasione migliore per architettare una raffinata vendetta?

E allora eccolo radunare tra esilaranti peripezie i suoi orchestrali dispersi: un “rimettere insieme la banda” che ricorda i Blues Brothers, ma che è frenetico e spassoso come si conviene a una farsa con il sapore del miglior Kusturica. L’ironia politica è presente, ma mai calcata; la satira invece si sbizzarrisce. Fino al gran finale, che sublima i toni leggeri da commedia un po’ kitch nella commovente esecuzione del Concerto n.35 per violino e orchestra di Tchaikovsky, legandoli con un cordone ombelicale ad un dramma storico che a mala pena conosciamo.

2 pensieri su “Il concerto

  1. bellissimus! colmo di snobismo1: visto in lingua originale sottotitolato, colmo di snobismo 2 l’esecuzione è solo del primo movimento del concerto n35. é vero che ricorda i blues brothers! non ci avevo pensato! ilaria🙂

  2. ila, mi piace questo tuo sbotto di snobismo!
    mi piacerebbe saperne molto di più di musica classica. Pensa che la mia conoscenza in materia deriva per la maggior parte da Fantasia!
    Ahem… un po’ poco, direi…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...