chi vivrà vedrà


Vi ricordate il what about 2010? Mettevo nero su bianco i miei buoni propositi per l’anno che cominciava.

Ebbene, il blog non l’ho rinnovato e non mi sono messa in pari con tutto quel che avrei voluto scrivere, perché è un lavoro troppo impegnativo: le cose si accumulano in fretta. Le droghe informatiche, purtroppo, sono droghe: aiutano quando non vuoi pensare. Quanto al “cosa butti??” ci sto lavorando seriamente; anzi, ho appena fatto la cernita fra depliant, brochure e bigliettini raccattati durante le vacanze (estive!) e mi stupisco di quanto io sia diventata severa.
Proseguendo troviamo la dieta: ho imparato a ridurre drasticamente il sale e a bere tanta acqua, ma c’è ancora molto da fare a proposito di carne, dolci e pasta… I libri: aNobii ha calcolato undicimila pagine suddivise in trentacinque libri, senza contare Il Conte di Montecristo che mi tiene impegnata da un po’; non posso certo rimproverarmi. Poi, per imparare ad usare la reflex ho fatto un corso sufficiente a darmi le basi e per cominciare può andare bene.
A proposito dell’emigrazione, invece, nulla di fatto: l’Australia è ancora là e io sono ancora qua. Non è semplice: distanza, budget iniziale e altre faccende che per un motivo o per l’altro mi trattengono. Questo è uno dei grandi dilemmi che mi porto nel 2011 assieme a tutta una serie di desideri e di volontà. E chi vivrà vedrà.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...