il bidet e la rivoluzione


Annunci

Un pensiero su “il bidet e la rivoluzione

  1. Ascanio Celestini, Ponzio Pilato

    Il popolo è un bambino, non è portato per la democrazia. Se vuole le racconto una storia. Si ricorda di Ponzio Pilato? Era un intellettuale.

    Un giorno si guardò il popolo e pensò che fosse pronto per la democrazia, prese due delinquenti appena arrestati e li portò in piazza.
    Disse al popolo “scegliete voi tra questi due. Chi deve essere condannato e a chi verrà salvata la vita?”
    Il popolo era un bambino, non ci capiva niente. Il popolo era schiavo, mungeva le vacche, tosava le pecore, zappava la terra e non sapeva cosa rispondere. Allora Ponzio Pilato disse “vi dò un aiutino. Alla mia destra c’è Barabba, alla mia sinistra c’è Gesùcristo, adesso lo sapete. Chi deve essere condannato e a chi verrà salvata la vita?”
    Il popolo era un bambino. Andava allo stadio, sentiva le canzonette, guardava le tette in televisione e non sapeva rispondere.

    Allora Ponzio Pilato che aveva veramente fiducia in questa democrazia disse “vi dò un altro aiutino. Barabba è un ladro di polli. Gesucristo è Dio sceso in terra! Adesso sapete anche questo, secondo voi chi deve essere condannato e a chi sarà salvata la vita?”
    E il popolo disse “vabbè, salviamo Barabba” e se ne tornò alla terra e allo stadio, alle pecore e alle canzonette, alle vacche e alle tette.
    Il popolo sceglie il ladro di polli. Se ne frega che Gesucristo viene nel mondo a lavargli i peccati. Il popolo vota Barabba.
    Barabba diventa sindaco, diventa presidente del consiglio e Papa, amministratore di condominio e re.
    Il popolo è un bambino, se gli chiedi da fare una scelta, fa la scelta sbagliata.

    Allora che cosa avrebbe dovuto fare il povero Ponzio Pilato? Poteva dire “il popolo è una massa vergognosa di deficienti. Se il popolo salva Barabba, io salverò Gesucristo”. Poteva spararsi un colpo alla testa.
    E invece si lavò le mani.
    Capisce che gesto straordinario? Si lavò le mani per dire che non si può combattere l’ignoranza del popolo ma è ancora possibile combattere contro lo sporco. Si lavò le mani per dire che la democrazia è indifendibile ma per l’igiene ci si può ancora impegnare.
    Capisce?
    L’igiene!
    Anche lei non si affligga.

    Il popolo è un bambino e la democrazia non fa per lui. Se c’è qualcosa che l’affligge pensi all’igiene.
    La Gelmini fa una legge che sfascia la scuola pubblica? Lei sa cosa può fare? Usi il metodo Ponzio Pilato. Si lavi i denti! Usi il colluttorio, passi il filo interdentale. La scuola andrà in rovina ma il tartaro sarà sconfitto.
    Migliaia di posti di lavoro che salteranno entro la fine dell’anno, milioni di lavoratori precari, famiglie che non riescono a pagare il mutuo?
    Lei sa cosa può fare? Usi il metodo Ponzio Pilato. Si faccia una doccia! Scelga un sapone neutro. Se non si rispetta la dignità dei lavoratori lei rispetti almeno il PH della pelle.

    1300 morti sul lavoro ogni anno. La criminalità organizzata, i morti sulle strade, l’inquinamento, la guerra per l’acqua. Lei sa cosa può fare?
    Usi il metodo Ponzio Pilato. Si pulisca le unghie! Basta la punta di un coltellino. Affronti una battaglia alla sua portata. La barbarie è inarrestabile ma il nero sotto le unghie può essere arginato.

    Lei è mai stato in Francia? Non ci vada. Resti a casa a vedere la televisione. Esca solo per andare in chiesa, allo stadio e al supermercato. Ma le rivelo un segreto: i francesi non hanno il bidé! Gliene rivelo un altro: i francesi hanno fatto la rivoluzione. Ha capito il nesso?
    Le dò un aiutino: in Italia non abbiamo fatto la rivoluzione ma usiamo il bidé. Ha capito? Mentre a Parigi si assaltava la Bastiglia, si decapitavano i monarchi e si urlava LIBERTA’, noi italiani ci facevamo il bidé.
    Ha capito? Abbiamo fatto una scelta: preferiamo l’igiene alla democrazia.

    E’ il metodo Ponzio Pilato.
    Il popolo è un bambino.
    Non gli interessa la libertà.
    Vuole solo pulirsi il sedere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...