See me, feel me, touch me, heal me.


Ascoltare Tommy per intero dal vivo interpretata da Roger Daltrey in persona è un’occasione unica! Ma confesso: per un attimo ho pensato che non sarebbe stato all’altezza; e questo mi ha instillato un pochino d’ansia, perché a questo concerto ho portato il mio papà e non volevo proprio che rimanesse insoddisfatto.

Be’, non avevo idea che Daltrey, a 68 anni suonati, fosse ancora così puramente rock. Esegue Tommy senza fermarsi mai, fino alla fine. Alle prime note di Pinball Wizard i vecchi hippies, che non resistono più sulla loro poltronissima, si accalcano sotto al palco saltando e cantando come si conviene ai concerti rock. Mio padre dondola appena: so che è entusiasta. Daltrey avrà anche tagliato i lunghi ricci e dismesso la camicia a frange che vestiva a Woodstock – no, dico… Woodstock! – ma continua a tenere il palco e non ha dimenticato i giochetti con il microfono a filo, che fa ancora roteare sulla testa e attorno al corpo. La voce, arrochita dall’età, rimane forte ed emozionante. Alle spalle, poi, ha dei musicisti mica da ridere fra cui spiccano un batterista eccezionale, Scott Deavours, con tanto di timpano e gong, e il chitarrista Simon Towshend, fratello di Pete, che già aveva collaborato con gli Who all’epoca di Quadrophenia.

L’atmosfera sull’ultimo brano è magica fino a essere commovente. Ma lo spettacolo va oltre Tommy e Daltrey attacca con altri pezzi della band che vengono direttamente dall’era Mod: lui è l’unico rimasto a portarli in giro. Lo sottolinea con trasporto: non vuole far finta di essere gli Who, senza Pete gli Who non esistono. Con My Generation e Baba O’Riley manda il pubblico in visibilio, e a questo entusiasmo che lo nutre da quarant’anni dedica l’ultima canzone.

Tommy: Overture | It’s a Boy | 1921 | Amazing Journey | Sparks | Eyesight to the Blind | Christmas | Cousin Kevin | The Acid Queen | Do You Think It’s Alright? | Fiddle About | Pinball Wizard | There’s a Doctor | Go to the Mirror! | Tommy Can You Hear Me? | Smash the Mirror | Sensation | Miracle Cure | Sally Simpson | I’m Free | Welcome | Tommy’s Holiday Camp | We’re not Gonna Take it
Others: I Can See For miles | The Kids Are Alright | Behind Blue Eyes | The Way It is | Days of Light | Gimme a Stone | Who Are You | My Generation / Mannish Boy | Young Man Blues | Baba O’ Riley | Without Your Love

3 pensieri su “See me, feel me, touch me, heal me.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...