Take a walk on the east side


Londra è una città talmente vasta e varia, che si potrebbe prendere una metropolitana a caso, scendere a una fermata qualunque e ci si troverebbe di sicuro in un posto interessante. Mettiamo Southwark, per esempio, una di quelle zone che non rientra mai negli itinerari classici: prendo la Jubilee Line e scendo a London Bridge, oltre il Tamigi. Lì lo Shard svetta vertiginosamente davanti ai miei occhi, ma preferisco rifugiarmi nella confusione del Borough Market, pieno di persone che si accalcano davanti alle bancarelle e che ti pestano i piedi. Io amo i mercati di Londra, e quando mi capita di andarci pianifico i miei giri in modo da vederne di nuovi. Il Borough Market è un mercato di fiori sgargianti e frutta pallida, verdura strana e formaggi di colori insoliti, selvaggina e pies dall’aria innocua ripiene di selvaggina, frutti di mare e cibo da strada inglese e non. Io pranzo con un panino all’anatra; sì, anatra, senape e rucola. Io non mangio mai la rucola, ma questa volta è perfetta.

024-London

020-London

011-London

028-London

022-London

030-London

Southwark ha quell’aria industriale, appena uscita dai libri di Dickens: le facciate di mattoni ancora fumose nascondono loft nuovi di zecca, le viuzze si infilano sotto alla ferrovia, strette vicino alla massicciata, dove trovano posto locali e negozietti, la pietra nera riveste il lungofiume e sembra un fiume anch’essa, le banchine di legno si allungano nell’acqua e l’umidità si arrampica su per la schiena.

037-London

045-London

059-London

062-London

080-London

081-London

Poi attraverso il Tower Bridge e vado dall’altra parte, diretta verso un altro mercato e altre zone che non ho mai visto: Spitalfields, Brick Lane e Shoreditch. Qui l’atmosfera è simile a Southwark, ma ancora più ruvida. Tutto è ancora un po’ scalcagnato ma il fermento è palpabile. Non mi faccio ripetere due volte che è importante sostenere i giovani designer indipendenti e porto a casa un cappottino primaverile con i bottoni a fiori e un vestito chic che non vedo l’ora di indossare.

109-London

119-London

113-London

120-London

131-London

132-London

146-London

152-London

159-London

161-London

163-London

171-London

Tornando verso Victoria Station passo per Saint Paul, il Millennium Bridge, la Tate e giù fino al London Eye. Assaporo l’aria umida e godo degli ultimi scorci sul Tamigi mentre il sole tramonta e tutto diventa incredibilmente blu.

198-London

223-London

237-London

253-London

267-London

269-London

Tutte le foto qui.

Advertisements

2 pensieri su “Take a walk on the east side

  1. bellissime foto come al solito complimenti. 🙂
    Londra è unica, io sono appena tornato e già mi manca come tutte le volte. E l’East End è decisamente la mia parte preferita…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...