Everyday life, week 52


Duemilaequindici: i ciottoli che rimbalzano sull’acqua, il grido dei gabbiani e il profumo del sale, la malinconia della nebbia, il vento che sa di bucato, i passi che affondano nella neve, il vino rosso e i chiodi di garofano, le antiche fotografie di famiglia, le diverse declinazioni del pranzo domenicale, la salita di pietre, l’oscurità di nuovi spazi dell’anima, gli ospiti speciali, la dolcezza delle conferme, i piedi nudi, i pipistrelli al tramonto, la musica elettronica e le storie che escono dai libri, il mistero dei cortili, la fretta delle settimane, il conforto del cioccolato, il cielo nelle pozzanghere, la delicatezza delle carezze sugli occhi, la curiosità entomologica, il rumore di una coperta strappata con i denti, la bottiglia di bolle di sapone, l’allegria delle strisce colorate, il pic nic sull’erba appena umida, l’affetto speciale delle bestioline di casa, l’acchiappasogni del ragno, le passeggiate rifugio, lo svago meraviglioso e destabilizzante, le crepe e i fiori, i fantasmi insonni, la liquida sensazione del respiro, la libertà di ballare fra la folla, il miraggio delle ciminiere, la fortuna di trovarsi nel posto giusto al momento giusto, i magici scherzi dell’entropia, le pedalate di chi non trova pace, i giorni in apnea, la mente come una finestra spalancata, il viaggio dello spirito, gli equilibri millenari, i castelli di sabbia, la polvere rossastra sulla fronte, la durezza di immagini prevedibili, le nuove consapevolezze, i pochi buoni propositi e il lavoro faticoso, il palato goduto, il silenzio assonnato di alcune vie, l’esplosione chiassosa del mercato, la semplicità taumaturgica di una crosta di pane, l’abisso glicemico delle undici e mezza, le vigne fiorite di foglie rosse, l’impazienza dell’attesa, l’infinito autunno della speranza, i prati fioriti sott’acqua, il calore dell’unica finestra illuminata, il fedele abbraccio di un sacchetto di noccioli bollenti, il dolore di un tatuaggio invisibile, la strenua ricerca di un equilibrio tra centratura e fuga.

 

Annunci

Un pensiero su “Everyday life, week 52

  1. Le ho lette già molte volte e ho immaginato lo scorrere dei giorni dentro l’anno appena terminato. Sono sessanta frasi: vere, solide, interiori, vivide, emozionanti, poetiche.
    Grazie Emma. È il più bel week che hai mai postato. Non potevi farci regalo migliore. E’ un tesoro…sei un tesoro. Grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...