Everyday life, week 28


Le cose dell’estate. Quelle mattine in cui la luce è tagliente come un coltello appena affilato. Il rumore di un elicottero, passando vicino a un cespuglio fiorito: solo dopo ti accorgi che sono api. Le spighe attraversate dal sole, quando le guardi disteso sulla pancia. La frescura che viene dalla contemplazione di una boccia d’acqua (se ti concentri davvero molto bene). Il piacere di addormentarsi presto, quando ancora non è del tutto buio e i vicini ti propongono la colonna sonora perfetta.

Processed with VSCO with hb2 presetProcessed with VSCO with hb2 presetProcessed with VSCO with hb2 presetProcessed with VSCO with hb2 presetProcessed with VSCO with hb2 presetProcessed with VSCO with hb1 preset

2 pensieri su “Everyday life, week 28

  1. Capita a tutti d’estate, al tramonto e poi nelle ore intorno alla cena, che qualche finestra illuminata e spalancata ci presenti brevi scorci di scene familiari. In genere in tutti nasce un atteggiamento in cui si mescolano la curiosità e il rispetto della privacy. Diamo un rapido sguardo pieno di curiosità ma non ci soffermiamo troppo perché ci sembrerebbe di essere indiscreti. Ciò che vediamo, quasi sempre, sono i gesti della quotidianità che tutti noi in fondo facciamo. Ma ciò non toglie che ci incuriosiscano perché quel rettangolo illuminato sembra lo schermo di un cinema e ciò che vediamo è un film che dura trenta secondi e che, se potessimo, ci piacerebbe vedere sino alla fine…
    Ad esempio guardando la tua foto, cara Emma (bella proprio perché coglie l’imbrunire con i preparativi casalinghi per la cena), la prima cosa che mi vien da pensare è: “i due ambienti sono dello stesso appartamento?” E quindi: “l’uomo (che sembra giovane) e la donna (forse la sua ragazza) seduti sotto il davanzale a parlare, aspettano la cena che nella stanza adiacente una mamma (di lui o di lei?) è intenta a preparare?” Ma naturalmente non mi aspetto risposte. È semplicemente una catena di pensieri che dura una frazione di secondi, indotta da uno sguardo fugace nelle vite degli altri. A me capita, non so a te. O a chi ci legge…

  2. Guardare la vita in una finestra è proprio come guardare un film: è incredibile quanto sia spontanea e radicata nell’essere umano la necessità di raccontare delle storie o di ascoltarle…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...