Japan 5 / La porta spaziotempo tra Akihabara, Odaiba e Yanaka

La verità è che Tokyo è costituita da innumerevoli porte spaziotemporali: ce n’è una alla fine di ogni via. Immagina di partire a piedi a Akihabara, l’affollata electric town dei negozi di elettronica ed elettrodomestici, dei manga e degli anime e dei maid bar, dove le cameriere con i grembiulini di pizzo ti accolgono con frasi del tipo: «Bentornata padrona». Da lì dirigiti verso il Palazzo Imperiale, troverai la via dei negozi sportivi, poi quella delle librerie antiquarie, quella dei bistrot, poi i grandi palazzi dei diplomatici e il fossato che protegge l’isola del palazzo dell’Imperatore.
E dietro ogni angolo l’aria sarà diversa e le persone saranno diverse.
Proseguendo verso sud, sulle strade larghe tra i grattacieli e i giardini, arriverai alla stazione della monorotaia che porta a Odaiba: ti sembrerà di entrare in un videogioco. Il treno scivola veloce e silenzioso tra gli edifici di vetro e poi sul Rainbow Bridge, verso quell’isola artificiale che è un chiassoso parco divertimenti.
Ma se verso fine giornata dovessi essere stanco di suoni digitali e inquinamento da colori, potrai sempre rifugiarti a Yanaka, usando la porta spaziotemporale della stazione di Nippori. Tra le casette in legno sopravvissute ai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, i templi buddisti e i laboratori degli artigiani, potrai respirare l’atmosfera shitamachi, l’aria nostalgica delle antiche tradizioni giapponesi, così lontane dal caos di Akihabara e di Odaiba. E potrai spingerti fino al cimitero di Yanaka per una passeggiata contemplativa, dove i tuoi passi saranno accompagnati unicamente dal fruscio delle foglie e dal suono delle sotoba, le sottili tavole di legno che sbatacchiano al vento.

Akihabara, electric town.
750 Japan751 Japan

Le campanelle (fūrin) che tintinnano per illuderti che faccia fresco.
753 Japan

Jinbōchō, la zona delle librerie antiquarie.
754 Japan757 Japan

Il fossato del Palazzo Imperiale (sì, ma le alghe?).
768 Japan773 Japan

La statua dedicata al samurai Kusunoki Masashige.
776 Japan.JPG

Sulla monorotaia per Odaiba.
785 Japan791 Japan

Il bizzarro edificio della Fuji TV progettato da Kenzō Tange.
794 Japan

Il Rainbow bridge.
797 Japan805 Japan

Il cimitero di Yanaka.
808 Japan821 Japan818 Japan819 Japan816 Japan829 Japan834 Japan837 Japan842 Japan

Annunci

Japan 4 / La notte al mercato del pesce

Gli effetti del jet-lag ci permettono una levataccia alle 3 senza fatica. Il taxi scivola tranquillo sulle superstrade sgombre di una Tokyo stranamente silenziosa. Ovviamente il tassista non parla inglese e non è immediato comunicargli la destinazione: ci illudiamo di spiegargliela mostrandogli una mappa scritta in alfabeto latino. Il nostro obiettivo è arrivare allo Tsukiji Market in tempo per assistere all’asta dei tonni, un rituale che si ripete ogni notte nel mercato ittico più grande del mondo, quando i commercianti osservano gli ultimi arrivi e ne contrattano l’acquisto. Solo 120 spettatori sono ammessi e noi, manco a dirlo, rimaniamo fuori. Fastidiosa delusione. È notte fonda e non abbiamo nessuna voglia di un altro giro di taxi per tornare in hotel.

Alcuni addetti ci fanno capire che, se evitiamo le guardie e non diamo fastidio, possiamo entrare nel mercato dei grossisti e girare indisturbate. Gli operai e i commercianti sono impegnati nelle attività di preparazione e stoccaggio, mentre un nugolo di pericolosi trabiccoli elettrici si occupa del trasporto. Nei capannoni gli spazi sono molto stretti, il pavimento è bagnato e sporco. Sui banchi ci sono pesci mai visti, di ogni dimensione e colore, e molluschi, altrettanto ignoti. I tonni in attesa di essere sezionati sono lasciati a terra, ancora congelati: quando non viene usata una sega circolare, il taglio del tonno viene effettuato con un coltello tradizionale, oroshi hocho, un oggetto più simile a una katana che a un utensile da cucina.

539 Japan573 Japan587 Japan602 Japan641 Japan651 Japan652 Japan661 Japan662 Japan663 Japan668 Japan664 Japan572 Japan675 Japan680 Japan681 Japan715 Japan704 Japan694 Japan688 Japan706 Japan689 Japan693 Japan

Dicono che non si può dire di aver visitato davvero lo Tsukiji Market senza aver fatto una colazione a base di sushi (o forse pranzo, dipende da quanto si è fortunati).
In un angolo c’è una piccola area fitta di ristoranti microscopici che usano i prodotti freschissimi del mercato: il Sushi Dai ha una coda notevolmente più lunga degli altri e una ragione ci sarà. È l’alba quando ci mettiamo in fila. A turno andiamo a vedere le botteghe vicine, microscopiche quanto i ristoranti, dove vendono un po’ di tutto: dai coltelli alle bacchette, dalle ceramiche alle lacche alle pentole, dalle radici di wasabi agli snack come la frittata da passeggio, una specie di spiedino che mi salva la colazione.
L’attesa è molto lunga: sei ore durante le quali la cameriera porta acqua a più riprese e anche un ombrello quando il sole esce arrabbiato dalle nuvole. Finalmente, dopo aver passato gli ultimi minuti con il naso appiccicato al vetro della porta, entriamo.
Il bancone in legno chiaro di questo tempio del sushi ospita solo una decina di persone, appollaiate vicine vicine su sgabelli alti. Dall’altra parte, i sushiman preparano le porzioni una per volta come se stessero offrendo uno spettacolo ai clienti, raccontando per ogni pezzo il tipo di pesce usato e la ricetta del condimento. La qualità degli ingredienti è elevatissima e il sapore del pesce nasconde già una dolente nota di nostalgia. Sì, ne è valsa la pena.

745 Japan739 Japan733 Japan746 Japan

Japan 3 / Tokyo ha un cuore verde, uno rosa e uno nero

E di come l’ho scoperto in una sola giornata.

Il cuore di Tokyo è il Palazzo Imperiale, protetto da una cinta di mura e da un fossato abitato da alghe dall’aria minacciosa. Tokyo ha un cuore verde, e non solo perché il Palazzo Imperiale è immerso in un parco sconfinato, ma perché sono tanti i giardini nel centro della città. E sono tanto vasti da farti dimenticare di essere in una delle metropoli più popolose al mondo: tredici milioni di abitanti e non sentirli.
È la sensazione che ho provato entrando nel parco che circonda il Meiji Jingu, il grande santuario shintoista con i tetti di rame ossidato. Uscendo dalla stazione di Harajuku, si prende a destra, lasciandosi alle spalle l’orda di ragazzine dirette a Takeshita Dori, e si viene ingoiati da questa foresta tramite un torii gigante, un portale realizzato con un solo cipresso vecchio di millecinquecento anni. Da quel punto, la strada porta fino al tempio e poi si dirama in sentieri sempre più piccoli sotto le chiome che nascondono i grattacieli.
Poco distante, anche i giardini di Shinjuku Gyoen mi hanno accolta con la loro vegetazione ordinata e rassicurante, le case da tè, i ponticelli e i laghetti. Le grosse carpe, che sfiorano il pelo dell’acqua come piccoli squali, smorzano tutta questa soavità.

Se, invece, alla stazione di Harajuku si prende a sinistra e si segue l’orda di ragazzine si entra dritti nel cuore rosa di Tokyo: Takeshita Dori, un intrico di strette vie brulicanti di adolescenti esaltati, musica assordante, paccottiglia, vestiti e tanti tanti dolci. È il centro della cultura teenager. Un inferno di zucchero filato.
Spingendosi oltre, con mio grande sollievo, si arriva a Omotesando, una lunga via dove le maggiori case di moda hanno costruito i loro showroom, dando vita a una sorprendente sfilata di architettura contemporanea.

Il cuore nero di Tokyo, poi, l’ho trovato a Kabukichō, appena fuori dalla stazione di Shinjuku: un formicaio illuminato a giorno dalle insegne colorate e stroboscopiche, dove si concentrano locali notturni, ristoranti, bar, love hotel, club, e locali a luci rosse, tutti per la maggior parte in mano alla Yakuza. Lì, sotto ai grattacieli arroganti, si nasconde il Golden Gai, un oscuro grumo di microscopici bar, più di duecento, che possono ospitare cinque o sei clienti per volta, dove solo gli habitué sono i benvenuti e dove l’atmosfera è surreale e inquietante.

Il torii gigante dà accesso al parco del Meiji Jingu.
262 Japan

Il Meiji Jingu con i suoi tetti in rame ossidato.
279 Japan281 Japan294 JapanUn sacerdote del Meiji Jingu.
283 Japan

Il giardini di Shinjuku Gyoen.
339 Japan

Il Kyu Goryotei, anche detto padiglione taiwanese.
343 Japan353 Japan354 Japan375 Japan367 Japan

La moda delle teenager.
312 Japan

L’ingresso a Takeshita Dori.
318 Japan

Nuvole enormi di zucchero filato (e la geniale plastica per non inzaccherarsi le mani).
324 Japan

Omotesando Hills, di Tadao Ando.
426 Japan429 Japan

Dior, di Sanaa.424 Japan430 Japan

Keyaki Building, di Norihiko Dan, vicino a Tod’s di Toyo Ito.
441 Japan451 Japan473 Japan469 Japan

Prada Aoyama, di Herzog & De Meuron (il mio preferito).
458 Japan.JPG462 Japan

Le insegne illuminano l’ingresso di Kabukichō dal lato della stazione di Shinjuku.
494 Japan498 Japan

L’atmosfera surreale del Golden Gai.513 Japan.JPG516 Japan

520 Japan

Japan 1 / Le prime verità a cui non siete preparati

I primi momenti in Giappone, li ho passati a cercare di capire dove mai fossi finita: era tutto così strano e al contempo così familiare. Certo, il lungo viaggio, il disordine spazio temporale e l’umidità soffocante non mi aiutavano; difficile, poi, orientarsi quando tutte le scritte sono incomprensibili. Mi sono ritrovata a fare uno di quei trip mentali che annichiliscono circa la mia posizione fisica sul pianeta, la testa in giù, i principi di geometria euclidea, le linee tangenti, la forza di gravità, il sistema solare, le costellazioni, l’universo. Insomma, quei pensieri che mandano un po’ fuori.
Per agevolare l’arrivo, avevamo scelto un hotel a Otsuka, una zona tranquilla a nord ovest del centro: l’importante era essere vicino a una stazione della Yamanote, la linea di metropolitana circolare che permette di arrivare un po’ dappertutto, a Tokyo. All’inizio, quel tratteggio grigio e bianco è stato la nostra ancora di salvezza nella lettura della mappa, che sembrava scoppiarmi in faccia ogni volta che la aprivo.
Nella nostra stanza al decimo piano avevo la sensazione di ondeggiare: era tutto quasi fermo, ma non abbastanza da non mettere in apprensione i sensori dell’equilibrio. L’architetto che è in me ha detto: “Tranquilla, è l’elasticità delle costruzioni antisismiche”. Il resto di me ha risposto: “Ommioddio, il terremoto!”.
Avevo bisogno di riposare.
Ma prima di cenare.
Ci siamo infilate fra i palazzoni di Ikebukuro, vie strette fra insegne fluo, musica assordante e impiegati di ritorno a casa vestiti tutti allo stesso modo, e abbiamo trovato posto ai tavoli di un locale tipico, due piani sottoterra e saturo di fumo, perché la prima verità a cui non siete preparati è che ai giapponesi è vietato fumare mentre camminano.
Io non vedevo l’ora di cominciare con la cucina giapponese e mi sono cimentata con le cose più curiose che ho trovato sul menu: tofu in pastella con nattō (ossia fagioli fermentanti filanti dal pungente gusto di gorgonzola), guance di pesce marinate, patate dolci con gelato. In realtà non avevo ordinato le patate per dessert, ma interpretare i menù giapponesi è davvero complicato – anche se si è così fortunati da trovare la descrizione in inglese oltre alle fotografie – e in ogni caso non è detto che ci si intenda con il cameriere, perché la seconda verità a cui non siete preparati è che i giapponesi, l’inglese, non lo parlano.

027 Japan028 Japan030 Japan004 Japan244 Japan017 Japan248 Japan019 Japan022 Japan